30 DAYS TV SHOWS CHALLENGE- Day 2


Day 2- A show that you wish more people were watching [Uno show che spereresti fosse visto da più gente]

01-280972Ce ne sono tanti, lo ammetto e forse alcuni, a livello di qualità, meritano decisamente di più di quello che ho scelto, ma per me è Jordskott, serie tv svedese per ora composta da due stagioni abbastanza brevi.

La storia ruota attorno ad Eva, una poliziotta che sette anni prima dell’inizio della prima stagione ha tragicamente perso la figlia Josefine, morta annegata durante una gita al lago. A seguito di questo dramma, Eva ha tagliato i ponti col padre, un facoltoso imprenditore che ha fatto fortuna grazie alla segheria di proprietà della famiglia.

Ma la morte di Josefine è un boccone troppo amaro per rifarsi davvero una vita e quando il padre di Eva muore, la donna ritorna nella natia Silverhöjd, dove scoprirà che niente è come sembra e che la sua famiglia nasconde molti segreti, alcuni dei quali antichi come la foresta stessa…

E la comparsa improvvisa di quella che pare essere proprio la figlia defunta, ormai quasi adolescente e gravemente malata, catapulterà Eva ed il suo collega Tom nel mezzo di una vera e propria guerra.

joseff

Sarà davvero Josefine o c’è qualcosa dietro?

Seguono spoiler. Io vi ho avvisato.

spoiler-alert-red-stamp-text-white-56287773

Jordskott è decisamente una serie coi controcoglioni, per quanto mi riguarda: partendo dal peggior incubo di un genitore -un bambino che, in un minuto di distrazione, svanisce nel nulla-, la serie pian piano esplora sia i peggiori lati dell’essere umano -come la sete di ricchezza e potere, che nel corso delle due stagioni mieterà diverse vittime-, sia la mitologia svedese. Il tutto condito da una certa nota ambientalista tipica del Nord Europa.

jordskott

Tom, Eva e Goran.

Il travaglio interiore di Eva, che non ha mai davvero creduto nella morte della figlia e se la ritrova adolescente e molto malata, che scopre come il padre l’abbia “tradita” tentando di convincerla della sua colpevolezza nella morte di Josefine e che la perdita della bambina sia stata causata proprio dalla cupidigia del padre, che ha sterminato la versione svedese del Piccolo Popolo per puro profitto sono gli elementi cardine della prima stagione, che non manca però di raccontare le storie degli altri personaggi: di Ylva, la strega che si occupa dell’unico superstite della strage avvenuta decenni prima; Tom il poliziotto, il cui lavoro ed il divorzio dalla moglie non gli permettono di occuparsi della figlioletta autistica, la piccola Ida -personaggio centrale della seconda stagione-; Esmeralda, la trovatella che

mv5botm2otlhmdytodbiys00yjzhlwi5njmtogiyymi2zgm2mwe3xkeyxkfqcgdeqxvymzk5mjg1mta-_v1_sx1344_cr001344999_al_

Esmeralda: lei, a differenza di Rey, non solo deve imparare ad usare i propri poteri. Lei causa pure disgrazie. Ode al realismo, praticamente.

scopre di non essere umana e deve fare i conti con poteri che non sa controllare mentre viene braccata da Harry, un cacciatore di taglie che perseguita le creature magiche per vendetta; Göran, un “poliziotto” che da subito appare essere tutto, fuori che ciò che afferma di essere ed infine Gerda, una madre disposta a qualsiasi cosa.

La seconda stagione non è da meno: Eva, che ha definitivamente perso la figlia e non sa darsi davvero pace, deve fare i conti con la madre mentalmente instabile e con qualcuno che sta rapendo ed uccidendo delle ragazzine… e che potrebbe prendersela anche con Ida che, forse, non è poi autistica, ma qualcosa di più antico e potente.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Challenge, Senza categoria, Serie tv e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...